Follow by Email

domenica 4 settembre 2011

Alla scoperta del Mirtillo ~ Discovering the Blueberry

Gambe pesanti? Occhi stanchi e doloranti? Problemi intestinali?




Con il suo nome squillante come un campanello, e le graziose campanelle che sono i suoi penduli fiori, evoca
 subito la freschezza, il silenzio incantato, la fragranza delle foreste di montagna. I botanici lo definiscono “infestante” (le capre ne vanno ghiotte), ma piace proprio per questa sua natura generosa che offre una produzione sterminata di frutti. I mirtilli non sono “alimenti” da mangiarsi uno a uno, ma a manciate, e non si è soddisfatti che quando la lingua, le labbra e le mani sono diventate di un blu Tuareg.






Sconosciuto nell'antichità, fu più tardi impiegato nella medicina popolare come astringente e antidiarroico. La sua efficacia nelle affezioni della vista è balzata all'attenzione medica durante la seconda guerra mondiale in seguito all'osservazione che i piloti della RAF, mangiando marmellata di mirtilli, possedevano una miglior capacità visiva notturna. Il consumo di mirtillo, favorisce la produzione della rodopsina, una proteina che migliora notevolmente la capacità di vedere in condizioni di luce bassa e ne migliora l'adattamento all'oscurità.

   L' abbondanza di antocianine, gli antiossidanti responsabili del colore viola del frutto sarebbero in grado di sopprimere la produzione dei radicali liberi, che causano stress ossidativo e il rilascio di fattori pro-infiammatori nel sangue. 

L'acido idroccinnamico presente nel mirtillo è molto importante per il nostro organismo, in quanto è in grado di neutralizzare le sostanza cancerogene prodotte nell'apparato digerente. Il consumo di alimenti ricchi di sostanze antiossidanti assume un importantissimo ruolo per quanto riguarda la salute del nostro organismo; queste sostanze, infatti, sviluppano uno scudo protettivo nei confronti della nostra pelle e soprattutto nella lotta ai radicali liberi. La antocianine agiscono sul cuore e sono in grado di aumentare la resistenza stessa del muscolo; grazie al suo effetto antisettico e anti infiammatorio, il mirtillo riduce la flatulenza e combatte in modo deciso la diarrea.
 Infine, il succo fresco di mirtillo ha proprietà in grado di migliorare la diuresi Il mirtillo nero è considerato il più ricco, indicato principalmente per fragilità capillare, in particolare a livello del microcircolo della retina, insufficienza veno-linfatica, infezioni delle vie urinarie inferiori in particolare vescicali, diarrea.

Dovete mangiarlo assolutamente!






Nessun commento:

Posta un commento