Follow by Email

martedì 18 ottobre 2011

Un viaggio verso sapori e profumi antichi! ~ A trip to ancient flavors and fragrances!

Venite come me!  Vi voglio portare in un viaggio di antiche tradizioni e sapori!


   L'autunno, porta con se il profumo della legna bruciata, del vino rosso,



 degli insaccati


 e delle castagne caldarroste



... in altre parole, profumi e sapori di terra.

Un antico richiamo alle origini dei nostri nonni e bisnonni,



delle feste di paese sapientemente organizati da veri artisti degli antichi mestieri


e dei custodi di ricette dimenticate ormai in questo mondo così frenetico.


Le feste speciali di questo periodo del anno, sono le sagre della castagna. Appena arrivi vicino al posto dove la sagra si svolge, nel aria ondeggia questo profumo di caldarroste... che ti viene voglia di avvicinarti e di fermarti lì per ore a guardare come vengono tostate e mangiarne a sazietà.


Se poi capitate in un posto dove la sagra viene fatta nei costumi tradizionali per mantenere ancora di più le tradizioni tramandate da deceni,


il vostro cervello verrà sicuramente ingannato per qualche istante, sentendovi veramente nei tempi antichi, quando l'orologio scandiva i suoi tic-tac a ritmo lento, quasi ad assecondare il corso di un fiumiciattolo, il respiro di una foresta, il cinguettio degli ucelli prima di coricarsi e il canto dei grilli in autunno.

  Ritornando alle nostre deliziose caldarroste intorno al fuoco,



il sapore ti ricorda ancora di più di quanto la vita è diventata complicata e di quanto la nostra ricerca di sapori sfiziosi e complicati per palati fini, hanno fatto dimenticare i sapori semplici che la terra ci da.




 Ma questo sapore semplice non vuol dire che le castagne sono povere di elementi molto benefici al nostro organismo, ma al contrario la composizione di una castagna è di 50% di acqua, 45% di carboidrati, proteine, grassi, fibre e ceneri; discreta la presenza di minerali tra cui sodio, calcio, fosforo, magnesio, ferro, potassio, zinco, rame e manganese.
  Per quanto riguarda le vitamine troviamo: vitamina A, B1 (tiamina), B2 (riboflavina), B3 (niacina), B5, B6, B9 (acido folico), b12, C e D. Tra gli aminoacidi presenti nelle castagne si cita l'acido aspartico, l' acido glutammico, arginina, alanina, glicina, leucina, prolina, serina e treonina.

Senza Glutine:Premettiamo che le castagne
non contengono glutine e sono quindi consumabili da tutte le persone interessate dal morbo celiaco.

Benefici delle castagne:
La castagna è molto digeribile ed è consigliata in casi di anemia e inappetenza; grazie all'abbondante presenza di fibre sono molto utili per la funzionalità dell'intestino. Viene raccomandata nelle diete in quanto previene disturbi gastrointestinali, accelerando il transito di sostanze nell'intestino.
Per la ricchezza di glucidi e minerali, i frutti hanno proprietà energetiche e sono perciò molto efficaci nelle astenie fisiche ( chi soffre di stanchezza cronica o stagionale, a chi deve riprendersi da influenze e forti raffreddori) e intellettuali ( a chi manca di concentrazione ) per chi pratica sport o è soggetto a forte stress, mentre sono sconsigliati per i diabetici.

Minerali contenuti nelle castagne e le loro proprietà:

- Il potassio è utile per rinforzare i muscoli;

- il fosforo collabora alla costituzione del tessuto nervoso e la vitamina B, al suo equillibrio

- lo zolfo è antisettico e disinfettante,

- il sodio è utile alla digestione,

- il magnesio agisce sulla rigenerazione dei nervi.

- Grazie alla presenza di zuccheri, possono costituire un alimento alternativo per i bambini allergici al latte.

- La farina di castagne sopperisce, nella preparazione di dolci e minestre, al fabbisogno di carboidrati anche nei soggetti che presentano intolleranza ai cereali;
Castagna in gravidanza:
In virtù della presenza dell'acido folico la castagna è anche consigliata in casi di gravidanza in quanto quest'ultimo è in grado di prevenire l'insorgere di alcune malformazioni a livello fetale.



Le castagne sono un alimento molto versatile e possono essere consumate in svariati modi: arrostite sul fuoco, bollite, cotte al forno e secche.

 

Caldarroste in microonde:

 Per chi ancora non ne fosse a conoscenza le castagne si possono cuocere con il microonde ed ottenere così una cottura molto simile a quella da cui si ottengono le caldarroste. Per ottenere questo risultato è necessario però avere un forno a microonde dotato almeno di grill, meglio ancora se di piatto crisp.

La cosa a cui bisogna prestare più attenzione sono i tagli che vanno praticati sulle castagne prima di cuocerle; per ogni castagna vanno praticate due, tre incisioni, in modo deciso e profondo. Questo per evitare che durante la cottura "esplodano" letteralmente sporcando in modo pesante l'interno del forno; infatti il tipo di cottura a microonde accentua la possibilità che le castagne possano esplodere.

Per quanto riguarda le regolazione della potenza di cottura si consiglia di procedere con la cottura combinata microonde-grill e di impostare il microonde ad una potenza medio alta; il tempo di cottura è determinato dalla quantità di castagne che si andranno a cuocere, più alto sarà il numero di castagne e maggiore sarà il tempo impiegato dal forno per cuocerle.

Castagne e le calorie:
La castagna è un frutto dotato di elevato potere saziante grazie alla sua concentrazione di amidi e di fibre, può pertanto sostituire in modo egregio cereali e patate, dati i suoi valori nutrizionali.
Considerando 100 grammi di castagne fresche l'apporto calorico è molto alto, infatti le calorie rese sono 250;
se prendiamo in considerazione invece le castagne bollite le calorie scendono a 130, le caldarroste 190 e quelle secche 290.

Contraindicazioni:
A causa dell'alto contenuto di amido se le castagne non vengono cotte bene la loro digestione può risultare difficoltosa; in generale il loro consumo è sconsigliato per diabetici, per chi soffre di colite, aerofagia, diabete, obesità e patologie legate al fegato.


Nessun commento:

Posta un commento